Squadra che vince non si cambia! Di anno in anno, la ricetta è sempre quella! I bravi ragazzi volontari (quelli più giovani e quelli meno) si trovano già dal martedì 23 ottobre sotto le volte del Pad 1. Da Torino i mezzi carichissimi son arrivati e Gnavi, Bubulin, Gasparini e Dolci uniti ai torinesi Cima, Lerda, Rossit e Lodi con annesso scodinzolante Ox, iniziano lo scarico d’ogni materiale la sera un brindisi fra tutti, felici di ritrovarsi per un’altra scommessa dettata dalla volontà d’esserci solo per far cultura. Il mercoledì è trafficato ai padiglioni, ma noi tutti ormai siam specializzati e sappiamo cosa realizzare. Intanto arriva la Stellina bianca di Varotto, c’è l’Y10 di Munaro, l’A111 di Candaten, l’A112 dei nonni di Maestrutti, e la gran A112 ABARTH vero TROFEO e la principessa Bianchina Trasformabile di Ferrua. Un parterre de roux, un multicolore come l’arcobaleno della bandiera della Pace. C’è un gran disordine, ma ormai a sera, tutto quasi per magia è al suo posto. Soddisfatti s’ammira il nuovo spettacolo che il giovedì attenderà i visitatori Vip e la Stampa per essere ammirato. Fu proprio così tant’è che la RAI, fra i TG, News, Motori passò più e più volte assieme ad altre TV nonché interviste sulla A111 e sull’Y10. Tante mitragliate di foto da scansarci per non essere d’intralcio per servizi giornalistici che pian piano son stati trasmessi in TV o che leggeremo. Tanta tantissima gente dai grandi ai bimbi che rimanevano stupefatti di questi esclusivi modelli, ai più sconosciuti come la Stellina e l’A111 ma baccagliati a più non posso: help! Al tavolone rosso centrale coi computer, s’accomodavano chi voleva notizie più approfondite d’ordine tecnico di restauro o burocratico legislativo. I calendari del 2019 del Registro Autobianchi venivan esposti e donati a chi d’interesse ed i dolcetti al cioccolato eran un ulteriore piacevolezza e sosta. Il gran Cubo di Rubik è l’Avatar del Registro Autobianchi che ne rappresenta il colore, il gioco e la tecnica, il lavoro ed il divertimento, tutti elementi che trovan posto ad ogni Evento. Tantissimi visitatori e soci da ogni dove e pure gli europei coi quali alla sera cenavamo in allegria tutti assieme. Leo Aumueller grande collezionista Abarth si congratulava, Uwe ed Irene Schmirer e gli Svizzeri son abituè della Mostra di Padova che visitano in più giorni e anche turisti in questa bella Città. Grazie a tutti gli appassionati per questo gran bel gioco di squadra che si ripete da tantissimi anni e ch’è ammirato da tutti per la disponibilità ed informazione che si dà a tutti in queste esposizioni ammiratissime. Ormai è un rito!