BENVENUTI nell'area AUTOBIANCHI dedicata a scambio di informazioni e pareri

Versione completa: Una vettura giovane fatta per i giovani
Al momento stai visualizzando i contenuti in una versione ridotta. Visualizza la versione completa e formattata.
Una piccola spider dai vivaci colori, una brillante fuoriserie costruita con un materiale del futuro: ecco la Stellina!

[Immagine: stellina01.jpg]

Sulla scocca portante in lamiera furono applicati i pannelli della carrozzeria realizzati in Fiber-Glass, un materiale assolutamente nuovo nel 1963 quando la Stellina fu lanciata. Dotata di serie di capottina in tela, a richiesta poteva essere corredata di hard-top al momento della consegnaIcon_biggrin
La meccanica era quella di ormai provata affidabilità e robustezza della Fiat 600 D: motore 767 cc, 29 cv, per una velocità massima di circa 115 km/h.
Nel 1965 la Stellina fu affiancata dalla Stellina 800, sulla quale il propulsore "750" era stato portato a 792 cc, con un incremento della potenza di 2 cv, sufficienti a rendere la guida più elastica e dolce.
La produzione terminò nel 1965 totalizzando appena 502 esemplari.
[Immagine: autobianchistellina1964.jpg]
Icon_arrow La parte in vetroresina della Stellina non veniva realizzata a Desio ma in stabilimenti nautici presenti nella zona, in quanto si tratta ti tecnologia completamente diversa da quella tradizionale automobilistica ed invece uguale a quella adottata per i natanti a chiglia rigida di piccole-medie dimensioni.
Trattandosi all'inizio di un esperimento, l'autobianchi aveva ritenuto non conveniente mettere in piedi una linea di produzione apposita per le vetroresine, preferendo invece appoggiarsi ad organizzazioni esterne già operanti nel campo, quali gli stabilimenti nautici.
La vetroresina, se da un lato ha caratterizzato il veicolo come grande innovazione, dall'altra ne ha anche decretato l'insuccesso commerciale in quanto si sono trovate parecchie resistenze di acquisto poichè si sapeva che gli artigiani carrozzieri che avrebbero dovuto fare le riparazioni nel corso della vita del'auto non possedevano invece le capacità tecniche necessarie.
Questa difficoltà, unita alla linea poco filante ed alle prestazioni limitate rispetto alle altre spider dell'epoca ne hanno decretato l'insuccesso.
Fmp0097
stamattina dal meccanico:
.
[Immagine: foto1636.jpg]

.
[Immagine: foto1637c.jpg]

è di un mio amico, e sa' gia' dove dovra' andare il 7 e l' 8 luglio! Fmp0077
...ed è sempre lui che aveva la turbo nera che mi ceco'! Icon_doh2
Ho imparato qualcosa di nuovo leggendo l'ultimo numero de: "La Manovella".Icon_biggrin
All' Ing. Rapi, già autore della linea della Bianchina e della Stellina si deve anche la bellissima (mi ha colpito da sempre e continua a farlo) Fiat 8V, vettura sportiva dei primi anni '50.
URL di riferimento