Questo forum utilizza cookies
Questo forum utilizza i cookies per immagazzinare informazioni sulla vostra registrazione. I Cookies sono piccoli documenti registrati sul vostro computer. Cookies su questo forum tengono traccia di alcune informazioni. Prego confermare se accettate o rifiutate queste condizioni di utilizzo.

Un Cookie sara registrato nel vostro browser. Non vi verra piu chiesta ulteriore conferma utilizzando il bottone riportato di seguito.

- Si prega di leggere il regolamento del forum del Registro Autobianchi.
- Per visualizzare i punteggi degli iscritti cliccare qui, oppure consultare il profilo individuale di ogni autore di discussioni.
NOTA: DOPO AVER FATTO IL LOGIN TOCCA CON IL MOUSE I LOGHI DELLE AUTOBIANCHI CHE VEDI IN ALTO: APPARIRANNO TUTTI I MESSAGGI DEL FORUM

Hello World!
This is a sample NewPoints plugin that displays this message on all pages. As you can see, it works just like MyBB plugins do.

Rispondi 
 
Valutazione discussione:
  • 0 voti - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Y10 terza serie - la storia
26-02-2012, 20:07
Messaggio: #1
Y10 terza serie - la storia
Nel novembre del '92 fa finalmente il suo debutto l'ultima serie della Y10, l'ultimo modello prodotto e commercializzato sotto il marchio Autobianchi. Nonostante in molti, forse me compreso, vedono nelle prime due serie la vera essenza della Y10, la terza serie è stata indubbiamente un salto avanti rispetto alle precedenti. Questo per diversi motivi, di cui io, proprietario di un esemplare per ogni serie, posso portare un valido esempio:
- a livello di motore, sicuramente gli aspetti fondamentali sono l'adozione del nuovo sistema di iniezione Motronic in luogo del vecchio Jetronic, migliore soprattutto grazie all'introduzione della doppia bobina al posto del vecchio spinterogeno, spesso causa di molti problemi; inoltre l'adozione di un nuovo cambio a corde, preciso negli innesti e dal comfort eccezionale, che personalmente trovo superiore anche a molte auto moderne; tutte le Y10 inoltre sono catalizzate, rispettando le norme Euro 1!
- a livello di meccanica, un sistema di sospensioni rivisitato e dal comfort nettamente maggiore, ma soprattutto quasi esente da vibrazioni e cigolii;
- a livello di interni, una plancia ridisegnata e dalla forma affusolata e regolare; pannelli porta ridisegnati con alloggiamenti da 13'' per gli altoparlanti; imbottiture dei sedili migliorate e particolarmente ergonomiche;
- a livello di carrozzeria fanno la differenza solo i gruppi ottici ridisegnati (con il muso più sporgente in stile Dedra, capace ora di accogliere il radiatore del climatizzatore), così come i paraurti e gli specchi retrovisori di dimensioni più importanti e di nuovo disegno;
- a livello di optionals, una dotazione di base molto ricca e decisamente importante per un'utilitaria dell'epoca, per cui se ne giustifica il prezzo più alto rispetto alle concorrenti. Parlo di vetri elettrici, chiusure centralizzate, volante e cinture di sicurezza regolabili in altezza, vetri azzurrati già a partire dalla versione di ingresso alla gamma.

La serie di debutto vede protagoniste: Y10 1.1 i.e, 1.1 Avenue e 1.1 Elite (disponibili anche col cambio Selctronic), 1.3 Elite, 4WD (allestita su base Elite).
Agli albori del '94 la gamma si rinnova, proponendo nuovi allestimenti, con nuove tinte per la carrozzeria e nuove tappezzerie: troviamo allora Y10 1.1 Junior, 1.1 Igloo (con climatizzatore di serie!); in aggiunta le versioni 1.1 Ville (con cambio automatico di serie!) e 1.1 Sestrieres (quattro ruote motrici), entrambe allestite su base Y10 Junior; inoltre 1.1 Mia, con portellone aerografato e con interno coordinato dallo stesso disegno; rimangono inalterati gli allestimenti per 1.1 Avenue, 1.1 Elite e 1.3 Elite.
Infine nel '95, ultimo anno di produzione della Y10, la gamma si rinnova per l'ultima volta, soprattutto a livello di motore, perchè anche la Y10 risponde alle direttive anti-inquinamento Euro 2; proprio per questo motivo esce di scena la 1.3 Elite, incapace di adeguarsi a tale requisito; rimane così in scena solo il 1.1 Fire, portato inoltre ai 55cv in luogo dei vecchi 50. Eccetto per l'uscita della 1.3 Elite, gli altri allestimenti restano invariati rispetto alla gamma '94, ma abbiamo ancora nuove tinte per la carrozzeria e nuovi tessuti per gli interni!

Di fatto anche le Y10 terza serie sentono ormai il peso degli anni: difatti dopo 16 anni dall'uscita di scena, sono state massicciamente demolite nelle campagne di rottamazione degli ultimi anni. Per questo sono entrate di diritto nella categoria delle auto storiche, e il Registro Autobianchi si prodiga per la loro conservazione, grazie agli attestati di originalità e rilevanza collezionistica! Questo per renderle atto di essere stata l'ultima Autobianchi, sempre innovativa come tutte le Autobianchi, anche se per alcuni aspetti ancora molto giovane e attuale!

[Immagine: file0244.jpg]
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
26-02-2012, 22:39
Messaggio: #2
RE: Y10 terza serie - la storia
Bella recensione Teo, io sono possessore di una prima terza serie, 1.1 ie base del 92,e sono stupefatto da un cosi grande confort su una piccola vettura, rumorosita non eccessiva, ammortizzatori ben calibrati per una vettura cittadina, che anche portata in autostrada sui 120 kmh su tragitti relativamente lunghi non ti distrugge la schiena. Non ho potuto provare la panda, ma sono convinto che la fiat per creare un auto con confort paragonabile alla y 10 abbia dovuto aspettare la nascita della panda seconda generazione. Icon_biggrin

Il mio primo veicolo sportivo, la Bici Edoardo Bianchi da corsa del 1976.Icon_rotfl
autobianchi A112 elite del 1984 perche non solo la 500 ha il tetto panoramico Icon_hand
Alfa Romeo 33 1.7 QV del 1987 perche.....non so perche!!!!
autobianchi Y10 1.1 ie LX del 1992 la prima utilitaria di lusso
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
26-02-2012, 22:58
Messaggio: #3
RE: Y10 terza serie - la storia
Anch'io la trovo veramente equilibrata, mi sono sempre trovato bene, e prima di me mia mamma che per circa quattro anni ne faceva un uso giornaliero di quasi 100 kilometri al giorno, percorrendo strade al limite della decenza senza però mai patire a livello di comfort di marcia! Poi qualche anno fa l'ho irrigidita un pò, montando molle della Turbo e ammortizzatori a gas, che l'hanno incollata in strada ma la penalizzano molto sotto il suo aspetto migliore: la comodità. Per fortuna che sono un amante dell'originalità, dunque custodisco gelosamente l'assetto originale che, non lo nascondo, non vedo l'ora di rimontare! Icon_razz

[Immagine: file0244.jpg]
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
26-02-2012, 23:45
Messaggio: #4
RE: Y10 terza serie - la storia
Infatti Teo l originalita e quello che contradistingue i vari modelli, la y 10, nasce per essere una piccola auto di lusso con caratteristiche paragonabili ad una vettura media del periodo, poi con la turbo la 1300 e le varie 4x4 nascono le varianti, sportiva, quindi rigida, gran turismo, motore piu robusto per lungni viaggi, e permettimi il nomigniolo mulo da soma, un mezzo versatile utilizzabile in tutte le situazioni e condizioni. Icon_biggrin

Il mio primo veicolo sportivo, la Bici Edoardo Bianchi da corsa del 1976.Icon_rotfl
autobianchi A112 elite del 1984 perche non solo la 500 ha il tetto panoramico Icon_hand
Alfa Romeo 33 1.7 QV del 1987 perche.....non so perche!!!!
autobianchi Y10 1.1 ie LX del 1992 la prima utilitaria di lusso
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
01-04-2012, 20:36
Messaggio: #5
RE: Y10 terza serie - la storia
Condivido in toto quanto scritto da Teo. Io personalmente amo la terza serie,sia esteticamente (interni ed esterno) sia per le pregevoli modifiche meccaniche che sono state apportate rispetto alla serie precedente. La mia prima macchina è stata una 1.1 i.e. blu madras immatricolata l'11/12/1992 (una delle prime),senza alcun optional ad eccezione del divanetto posteriore sdoppiato. La vendetti nel 2006 per acquistare la mia attuale Lancia Ypsilon,ma ci sono ancora molto affezzionato e per fortuna resiste ancora in circolazione nonostante non venga trattata propriamente con i guanti dall'attuale proprietario.Icon_cry

Ciao
Matteo
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
02-04-2012, 10:53
Messaggio: #6
RE: Y10 terza serie - la storia
(01-04-2012 20:36)yuppies Ha scritto:  La mia prima macchina è stata una 1.1 i.e. blu madras immatricolata l'11/12/1992 (una delle prime), La vendetti nel 2006 per ,ma ci sono ancora molto affezzionato e per fortuna resiste ancora in circolazione nonostante non venga trattata propriamente con i guanti dall'attuale proprietario.:icon_cry

Riprenditelaaaaaa!!!! Icon_biggrin

ELEGANT, perchè A112 non è solo ABARTH
MISSONI, perchè Y10 fà moda...
LX la sigla che contraddistingue le grandi Lancia
VILLE, per chi non vuole cambiare MAIIIIII
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
02-04-2012, 23:15
Messaggio: #7
RE: Y10 terza serie - la storia
Purtroppo ormai è in condizioni tali che ne sconsigliano ampiamente il ripristino. Poi ne ho già due e per ora (vista anche la situazione economica generale e personale) possono bastare e avanzare!Icon_wink


Ciao
Matteo
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
10-04-2012, 14:41
Messaggio: #8
RE: Y10 terza serie - la storia
Beh comunque non disperare. Io sono sempre alla ricerca di una bella terza serie poco kilometrata, magari Igloo, per fartela prendere a te! Fmp0077
Qualche buona occasione in giro per siti di annunci capita ancora, come quella Avenue coriandoli rosa ametista di cui parlavamo qualche giorno fa. Magnifica! Icon_biggrin

[Immagine: file0244.jpg]
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
11-04-2012, 22:10
Messaggio: #9
RE: Y10 terza serie - la storia
(10-04-2012 14:41)TEO87 Ha scritto:  , come quella Avenue coriandoli rosa ametista di cui parlavamo qualche giorno fa. Magnifica! Icon_biggrin

ci sono vicinissimo e conosco il concessionario... se volete vi faccio da intermediario Icon_biggrin

ELEGANT, perchè A112 non è solo ABARTH
MISSONI, perchè Y10 fà moda...
LX la sigla che contraddistingue le grandi Lancia
VILLE, per chi non vuole cambiare MAIIIIII
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
12-04-2012, 13:57
Messaggio: #10
Rainbow RE: Y10 terza serie - la storia
(10-04-2012 14:41)TEO87 Ha scritto:  Io sono sempre alla ricerca di una bella terza serie poco kilometrata, magari Igloo

Icon_biggrin Il portellone posteriore te lo può fornire Laura. Infatti l'ultima arrivata, la Y10 Elite del 1994, ha il portellone con il marchio Igloo in quanto era stato cambiato Icon_doh1
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)