Questo forum utilizza cookies
Questo forum utilizza i cookies per immagazzinare informazioni sulla vostra registrazione. I Cookies sono piccoli documenti registrati sul vostro computer. Cookies su questo forum tengono traccia di alcune informazioni. Prego confermare se accettate o rifiutate queste condizioni di utilizzo.

Un Cookie sara registrato nel vostro browser. Non vi verra piu chiesta ulteriore conferma utilizzando il bottone riportato di seguito.

- Si prega di leggere il regolamento del forum del Registro Autobianchi.
- Per visualizzare i punteggi degli iscritti cliccare qui, oppure consultare il profilo individuale di ogni autore di discussioni.
NOTA: DOPO AVER FATTO IL LOGIN TOCCA CON IL MOUSE I LOGHI DELLE AUTOBIANCHI CHE VEDI IN ALTO: APPARIRANNO TUTTI I MESSAGGI DEL FORUM

Hello World!
This is a sample NewPoints plugin that displays this message on all pages. As you can see, it works just like MyBB plugins do.

Rispondi 
 
Valutazione discussione:
  • 3 voti - 2.33 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
dove osano le fragole
06-01-2012, 12:15
Messaggio: #11
RE: dove osano le fragole
(04-01-2012 00:54)Francesco Esposito Ha scritto:  La A111 è la vettura più sacra dell' Autobianchi...erede diretta della mitica Primula, prima trazione anteriore Italiana!!!! Forse pure nu poco sfortunata....

già da bimbo ne vedevo poche in giro, la tua è la seconda che vedo dopo tanti anni..... a me piaceva tanto la serie che hai tu.... con i paraurti senza rostri e i doppi gruppi ottici posteriori.
Credo che il cliente italiano prediligesse auto come la Fiat 124 (adoro la berlina) a trazione posteriore e 4 freni a disco prodotta in tutte salse (berlina-familiare-coupè-spyder una vera world car) e la 128.

[Immagine: bannermuttlyturbo.png]
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
06-01-2012, 12:42
Messaggio: #12
RE: dove osano le fragole
La A111 era già pronta da tanti anni in casa FIAT, quale ulteriore elaborato della Primula, con trazione anteriore.

data la riuscita ed il successo nella sua realizzazione, in FIAT decisero allora di fare un'altro modello + povero che era appunto la 124, ecc ecc. marcandolo FIAT.

però non vararono la A111, Icon_hand che, come scrive l'ing Giacosa nel suo libro "40 anni di progettazione in FIAT" rimase sotto ad un lenzuolo Icon_sleepy
per tanto tempo, quale cavia sperimentale di successo nella progettazione della componentistica meccanica, e negli aspetti di lusso che la differenziavano.

poi nel '69 FIAT decise di presentare la A112, la rounabout Bertone, e pensò: ma sì, variamo anche la A111 che è da tempo che giace sotto al lenzuolo.
così per assurdo il suo varo fu nel '69, ma la sua nascita in FIAT fu molto molto tempo prima, rimanendo nell'incubatrice Icon_biggrin
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
06-01-2012, 16:21
Messaggio: #13
RE: dove osano le fragole
(06-01-2012 12:42)Laura Ha scritto:  La A111 era già pronta da tanti anni in casa FIAT, quale ulteriore elaborato della Primula, con trazione anteriore.

data la riuscita ed il successo nella sua realizzazione, in FIAT decisero allora di fare un'altro modello + povero che era appunto la 124, ecc ecc. marcandolo FIAT.

però non vararono la A111, Icon_hand che, come scrive l'ing Giacosa nel suo libro "40 anni di progettazione in FIAT" rimase sotto ad un lenzuolo Icon_sleepy
per tanto tempo, quale cavia sperimentale di successo nella progettazione della componentistica meccanica, e negli aspetti di lusso che la differenziavano.

poi nel '69 FIAT decise di presentare la A112, la rounabout Bertone, e pensò: ma sì, variamo anche la A111 che è da tempo che giace sotto al lenzuolo.
così per assurdo il suo varo fu nel '69, ma la sua nascita in FIAT fu molto molto tempo prima, rimanendo nell'incubatrice Icon_biggrin

E questo mi farebbe pensare che nacque già come vettura "a termine", giacché mi suona strana la coincidenza dell'uscita di scena nel '72 (ma con qlc immatricolazione anche nel '73) con la nascita della Lancia Beta...a mio avviso sua erede "morale"; mi son sempre chiesto, in una sorta di "sliding doors", quale sarebbe stata la sua evoluzione se fosse stata prodotta, diciamo, fino al 1980... magari avrebbe adottato la quinta marcia (ne son sicuro) e magari (meno probabile) il 1600 bialbero della Fiat 125 che, anche, con una gommatura più degna (il vero limite sono le gomme 150 SR13...) le avrebbero fatto fare il salto definitivo nell'olimpo delle berline quasi di lusso e che so'.... anche l'aria condizionata (dato il segmento a cui mirava); cmq va bene così... in ogni caso concordo con Muttly... la seconda serie, con quelle poche modifiche interne ed esterne, è decisamente più equilibrata e moderna (via gli antiquati rostri dal paraurti, raddoppio della fanaleria posteriore, finitura in legno anche sugli sportelli, coppe ruota specifiche al posto di quelle della Primula, spostamento del portaoggetti sotto la plancia e arretramento della leva del cambio)!!! Cmq ieri che soddisfazione....l'ho tirata fuori dal box per le fotografie... nel palazzo si sono fermate diverse persone ad ammirarla... sarà anche il fascino delle auto d'epoca ma il commento meno lusinghiero è stato "bellissima"; merito forse anche del colore verde Scozia....
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
06-01-2012, 17:03
Messaggio: #14
RE: dove osano le fragole
(06-01-2012 16:21)Francesco Esposito Ha scritto:  
(06-01-2012 12:42)Laura Ha scritto:  La A111 era già pronta da tanti anni in casa FIAT, quale ulteriore elaborato della Primula, con trazione anteriore.

data la riuscita ed il successo nella sua realizzazione, in FIAT decisero allora di fare un'altro modello + povero che era appunto la 124, ecc ecc. marcandolo FIAT.

però non vararono la A111, Icon_hand che, come scrive l'ing Giacosa nel suo libro "40 anni di progettazione in FIAT" rimase sotto ad un lenzuolo Icon_sleepy
per tanto tempo, quale cavia sperimentale di successo nella progettazione della componentistica meccanica, e negli aspetti di lusso che la differenziavano.

poi nel '69 FIAT decise di presentare la A112, la rounabout Bertone, e pensò: ma sì, variamo anche la A111 che è da tempo che giace sotto al lenzuolo.
così per assurdo il suo varo fu nel '69, ma la sua nascita in FIAT fu molto molto tempo prima, rimanendo nell'incubatrice Icon_biggrin

E questo mi farebbe pensare che nacque già come vettura "a termine", giacché mi suona strana la coincidenza dell'uscita di scena nel '72 (ma con qlc immatricolazione anche nel '73) con la nascita della Lancia Beta...a mio avviso sua erede "morale"; mi son sempre chiesto, in una sorta di "sliding doors", quale sarebbe stata la sua evoluzione se fosse stata prodotta, diciamo, fino al 1980... magari avrebbe adottato la quinta marcia (ne son sicuro) e magari (meno probabile) il 1600 bialbero della Fiat 125 che, anche, con una gommatura più degna (il vero limite sono le gomme 150 SR13...) le avrebbero fatto fare il salto definitivo nell'olimpo delle berline quasi di lusso e che so'.... anche l'aria condizionata (dato il segmento a cui mirava); cmq va bene così... in ogni caso concordo con Muttly... la seconda serie, con quelle poche modifiche interne ed esterne, è decisamente più equilibrata e moderna (via gli antiquati rostri dal paraurti, raddoppio della fanaleria posteriore, finitura in legno anche sugli sportelli, coppe ruota specifiche al posto di quelle della Primula, spostamento del portaoggetti sotto la plancia e arretramento della leva del cambio)!!! Cmq ieri che soddisfazione....l'ho tirata fuori dal box per le fotografie... nel palazzo si sono fermate diverse persone ad ammirarla... sarà anche il fascino delle auto d'epoca ma il commento meno lusinghiero è stato "bellissima"; merito forse anche del colore verde Scozia....

anch'io faccio due semplici considerazioni che si ricollegano ad entrambi i vostri commenti.....
Non ho idea per quale ragione a fronte di un progetto di qualche anno prima di sia deciso di produrre la A111 soltanto nel 69.
Non ne conosco le finiture..... ma da quello che mi dite entrambi aveva finiture di livello superiore alla 124 per cui immagino potesse avere un allestimento tipo la 125.
Io parlo da amante e nostalgico della 124 berlina che mio padre acquistò nuova agli inizi degli anni 70.... se non mi sbaglio nel '66 era stata nominata "Auto dell'Anno" quando ancora tale riconoscimento aveva un senso.
Gli interni in Sky nero e il rumore del motore di quell'auto erano a mio giudizio qualcosa di incomparabile...... è giusto il detto di oggi che all'epoca le auto avevano un cuore e si riuscivano a distinguere anche dal solo rumore dell'impianto di scarico.
Aveva una carrozzeria che si scioglieva sotto l'acqua..... ma a livello di meccanica era un trattore....
Probabilmente non era ancora il momento di puntare su una trazione anteriore, ritenuta magari una soluzione poco tradizionale per l'epoca a fronte di uno schema già collaudato in casa Fiat.
Pensare di montare il 1.6 bialbero della 125 sulla A111 magari veniva ritenuta una soluzione un po' troppo "aggressiva" per una trazione anteriore. Si trattava pur sempre di gestire più di 90cv e all'epoca secondo me erano considerati un po' tanti. Pensate solo che negli anni 90 c'è chi considerava folle l'idea di gestire 200cv su una trazione anteriore. La Fiat con l'Alfa 164 fu la prima a superare tale soglia e oggi ci sono anche parecchie auto anche di segmento B-C che con l'ausilio dell'elettronica non hanno problemi a gestire tale cavalleria

[Immagine: bannermuttlyturbo.png]
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
06-01-2012, 20:01
Messaggio: #15
RE: dove osano le fragole
ma....avete letto quello che ho scritto? la prossima volta Icon_rolleyes dietro alla lavagna!

non è stata prodotta nel '69, ma molti anni prima ( devo recuperare il libro dell'ing Giacosa che lo dice )

una versione ammiraglia della Primula con la trazione anteriore, e Giacosa l'aveva già preparata anni prima, e stava sotto ad un lenzuolo, pronta!

è servita per fare la versione semplice della FIAT 124 128 ecc,

Icon_arrow perchè ciò che usciva dalla FIAT col Marchio AUTOBIANCHI, erano auto innovative e di lussoIcon_spocht2

ad esempio la 500 FIAT e le tante diverse AUTOBIANCHI Bianchina in parallelo.

Icon_arrow nel '69 la presentarono, ma aveva già dato ciò che serviva!
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
06-01-2012, 21:08
Messaggio: #16
RE: dove osano le fragole
x Muttly '71
"Non ne conosco le finiture..... ma da quello che mi dite entrambi aveva finiture di livello superiore alla 124 per cui immagino potesse avere un allestimento tipo la 125."

Beh... allora metto una foto della plancia:

[Immagine: 404407_2883768662524_1509330795_32819933...3701_n.jpg]

e ci sei andato vicino...il piantone ed il volante sono della Fiat 125 (quello della prima serie era diverso e non so a quale modello Fiat appartenesse)
finiture di classe ma decisamente anni '70, cioè meno "barocche" rispetto alla 125 e pure alla 124S

E giacché mi trovo metto pure una foto del posteriore con le 4 frecce... che sono la peculiarità della A111 secondo serie!

[Immagine: 386140_2920820868806_1509330795_32840414...9605_n.jpg]
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
06-01-2012, 21:42
Messaggio: #17
RE: dove osano le fragole
belle le 4 frecce Fmp0077

poi fra le altre cose c'è anche, al lato passeggero, il gancio per appendere la borsetta: troppo elegante!

io ho anche un mobile bar da appendere alle poltrone con appositi ganci che aprendolo con ribaltina e catenella, ci sono all'interno 2 bottiglie alte 15 cm d'argento per liquori Icon_sbave 4 bicchierini Icon_sifone
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
06-01-2012, 22:03
Messaggio: #18
RE: dove osano le fragole
(06-01-2012 20:01)Laura Ha scritto:  ma....avete letto quello che ho scritto? la prossima volta Icon_rolleyes dietro alla lavagna!

non è stata prodotta nel '69, ma molti anni prima ( devo recuperare il libro dell'ing Giacosa che lo dice )

una versione ammiraglia della Primula con la trazione anteriore, e Giacosa l'aveva già preparata anni prima, e stava sotto ad un lenzuolo, pronta!
nun te preoccupà Laurè...... ho capito nèh!!
So che il buon D. Giacosa a metà degli anni 60 presentò due progetti: uno denominato 124 ed era relativo ad un prototipo a trazione posteriore vedi Fiat 124 ed uno innovativo a trazione anteiore soprannominato 123 che diede poi genesi all'Autobianchi A111.Icon_rolleyesIcon_rolleyes

[Immagine: bannermuttlyturbo.png]
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
06-01-2012, 22:06
Messaggio: #19
RE: dove osano le fragole
bravo Mut, vedo che hai studiato Icon_clap

Icon_arrow nacque prima la A111
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
06-01-2012, 22:31
Messaggio: #20
RE: dove osano le fragole
questa che ho pubblicato è una delle foto che ho fatto per il CRS... domani, se mio figlio me lo consente, faccio quelle dell' Alfa... però (OT) che razza di anacronismo doverle stampare su carta da laboratorio! Vabbé che so' auto d'epoca ma l' ASI nu poco si dovrebbe modernizzare!!
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)