Questo forum utilizza cookies
Questo forum utilizza i cookies per immagazzinare informazioni sulla vostra registrazione. I Cookies sono piccoli documenti registrati sul vostro computer. Cookies su questo forum tengono traccia di alcune informazioni. Prego confermare se accettate o rifiutate queste condizioni di utilizzo.

Un Cookie sara registrato nel vostro browser. Non vi verra piu chiesta ulteriore conferma utilizzando il bottone riportato di seguito.

- Si prega di leggere il regolamento del forum del Registro Autobianchi.
- Per visualizzare i punteggi degli iscritti cliccare qui, oppure consultare il profilo individuale di ogni autore di discussioni.
NOTA: DOPO AVER FATTO IL LOGIN TOCCA CON IL MOUSE I LOGHI DELLE AUTOBIANCHI CHE VEDI IN ALTO: APPARIRANNO TUTTI I MESSAGGI DEL FORUM

Hello World!
This is a sample NewPoints plugin that displays this message on all pages. As you can see, it works just like MyBB plugins do.

Rispondi 
 
Valutazione discussione:
  • 2 voti - 2 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Modulistica ASI
10-01-2012, 00:43
Messaggio: #21
RE: Modulistica ASI
(12-11-2011 12:53)rudibubu Ha scritto:  
(11-11-2011 15:21)Lupacchietto Ha scritto:  Pochi hanno compreso che l'Attestato è rilasciato ai soli fini fiscali, (anche se più volte ribadito) ma che, ai fini circolatori, lo Stato ha imposto il CRS.
Tale normativa determina la conseguenza che se un veicolo, sostanzialmente storico, viene posto in circolazione non munito di CRS, incorre nella contravvenzione per violazione del Codice della Strada, nei particolari non conformi alle normative vigenti, con possibilità di sequestro da parte delle forze dell'ordine, in presenza di violazioni gravi.

DOMANDE: L' attestato è rilasciato, venne rilasciato o verrà ancora rilasciato? ed avrà ancora valore fiscale?
non conosco bene la normativa per quanto riguarda la circolazione, ma per capire la situazione quando un veicolo è sostanzialmente storico? e su quali strade potranno cicolare ste macchine senza il CRS?
attendo risposte grazie già da ora.


EEEEEEhhhhhhhh!?!?!?!??!! E dove sta scritta sta norma?!?!?!?!?!?!! Se io ho una macchina REGOLARMENTE registrata al pra ed alla motorizzazione, revisionata burocraticamente e regolarmente assicurata avesse pure 60 anni io posso andare dove voglio!!!!! Salvo, ovviamente, le limitazioni dovute ai blocchi "pseudo-anti inquinamento"......
Scusami la battuta....sarebbe come dire che per avere la pensione mi devo iscrivere al circolo degli anziani..... questo col massimo rispetto e senza togliere meriti a nessuno s'intende!
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
10-01-2012, 15:16
Messaggio: #22
RE: Modulistica ASI
Giusto Francesco... vediamo di spiegare affinchè non si faccia confusione: è logico che se uno ha una macchina di qualsiasi età regolarmente registrata al pra ed alla motorizzazione, revisionata burocraticamente e regolarmente assicurata, può circolare dove e quando vuole, salvo, ovviamente, le limitazioni dovute ai blocchi "pseudo-anti inquinamento"..... però alle macchine con oltre venti anni d'età viene data la possibilità di pagare un bollo ridotto: per sfruttare questa possibilità il proprietario deve essere munito di un Attestato di Storicità e Datazione rilasciato dai registri storici riconosciuti dalla legge all'atto dell'iscrizione (e questa è la parte fiscale); inoltre questo Attestato viene anche richiesto dalle compagnie assicurative per la stipulazione delle polizze per veicoli storici, ma questo allo Stato non interessa perchè il rapporto fra compagnia ed assicurato è un rapporto fra privati... Inoltre, molti Comuni permettono o stanno per permettere alle vetture storiche di circolare in aree e/o in tempi soggetti a limitazione della circolazione: ecco che per poter sfruttare questa possibilità bisogna essere in possesso del nuovo CRS, perchè è a questo documento che lo Stato riconosce la possibilità di sfruttare le possibilità premiali connesse alla circolazione.

Faccio un esempio banale: io circolo a Ferrara, ma il mio Comune non permette la possibilità di circolare alle vetture storiche in tempo di limitazione alla circolazione, per cui le vetture storiche sono trattate alla stregua di tutte le altre vetture... ecco che io non ho bisogno di richiedere il CRS, poichè non ho nessuna possibilità connessa alla circolazione da sfruttare..

ducaeste

[Immagine: bannerduca.png]
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
11-01-2012, 15:38
Messaggio: #23
Rainbow RE: Modulistica ASI
(10-01-2012 00:43)Francesco Esposito Ha scritto:  Se io ho una macchina REGOLARMENTE registrata al pra ed alla motorizzazione, revisionata burocraticamente e regolarmente assicurata avesse pure 60 anni io posso andare dove voglio!!!!! Salvo, ovviamente, le limitazioni dovute ai blocchi "pseudo-anti inquinamento"......
Scusami la battuta....sarebbe come dire che per avere la pensione mi devo iscrivere al circolo degli anziani..... questo col massimo rispetto e senza togliere meriti a nessuno s'intende!



Icon_arrow L’affermazione sopra citata non è di Lupacchietto ma bensì dell’ASI.
Non si tratta di una norma, ma di un’interpretazione esplicativa della circolare del Ministero dei Trasporti.

Analizzando il paragone di cui sopra, a mio parere le cose stanno in questo modo.
Il problema non è tanto l’iscriversi al circolo degli anziani per maturare il diritto alla pensione, ma l’aver maturato i diritti e poi poterlo dimostrare con una prova che sia riconosciuta al fine di poter poi ricevere il corrispettivo mensile senza difficoltà alcuna. Magari poi mi può accadere che iscrivendomi al circolo degli anziani trovo la possibilità di facilitare l'ottenimento della prova suddetta.

Allo stesso modo, accade che l’ottenimento del CRS (come detto gli attestati di storicità ottenuti prima dell’entrata in vigore delle nuove disposizioni hanno valenza anche come CRS) avviene in presenza dei requisiti necessari a definire il veicolo di interesse storico e collezionistico.
Non è detto che tutti i veicoli della stessa marca, serie ed età, anche se registrati al PRA ed alla motorizzazione, nonché revisionati ed assicurati, siano tutti direttamente di interesse storico e collezionistico. Lo sono soltanto quelli che hanno mantenuto i requisiti di originalità in aggiunta a quelli di funzionalità e che, oltre a ciò, hanno svolto le pratiche previste dalla normativa. Altrimenti tutta la normativa sui veicoli storici, fatta appositamente, non avrebbe significato di esistere.
Invece esiste e le facilitazioni che concede tale normativa, come ha scritto Duca Este, sono riservate ai veicoli che possiedono i requisiti unitamente alle attestazioni previste.
In pratica, per un veicolo storico, il CRS non è da considerarsi un accessorio opzionale, ma è il documento specifico che ne comprova la storicità, come la revisione comprova la funzionalità per circolare e le registrazioni al PRA ed alla Motorizzazione comprovano la proprietà e l’effettiva esistenza del veicolo.
L’amico Francesco Esposito toccherà con mano le facilitazioni della normativa, proprio in occasione della re immatricolazione della sua A111.
Quando l’ASI dice che, se un veicolo sostanzialmente storico viene posto in circolazione non munito di CRS esso incorre nella contravvenzione per violazione del Codice della Strada, l’affermazione ha un suo preciso fondamento. Icon_rolleyes
Si pensi ai veicoli storici che possono circolare privi delle cinture di sicurezza (solo se muniti di CRS), tanto per citare un caso emblematico. Possiamo parlare ad esempio di una Bianchina: se vado al collaudo munito della documentazione storica passo subito il collaudo senza le cinture montate, se non ho la documentazione storica comincio a discutere con il collaudatore ( a volte disinformato) per spiegare che le leggi prevedono che qualsiasi veicolo costruito prima del 1978 ( se ben ricordo) che non ha gli attacchi delle cinture già realizzati dalla fabbrica può circolare senza cinture, magari devo portargli la legge perchè ha difficoltà a trovarla, perdo del tempo ecc. ecc. ecc. Per non parlare di casi in cui certi collaudatori hanno preteso la realizzazione di attacchi artigianali, vietati dalle stesse norme... Insomma .... un guazzabuglio: con gli attestati idonei è comunque tutto più semplice e chiaro, non si risolveranno certamente tutti i problemi ma la vita del collezionista viene sicuramente semplificata Fmp0077
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
12-01-2012, 13:08
Messaggio: #24
RE: Modulistica ASI
: per spiegare che le leggi prevedono che qualsiasi veicolo costruito prima del 1978 ( se ben ricordo) che non ha gli attacchi delle cinture già realizzati dalla fabbrica può circolare senza cinture
[/quote]

io mi ricordo che era il 1976, anche se questo non cambia il discorso; era solo per fare il puntiglioso...

ELEGANT, perchè A112 non è solo ABARTH
MISSONI, perchè Y10 fà moda...
LX la sigla che contraddistingue le grandi Lancia
VILLE, per chi non vuole cambiare MAIIIIII
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
12-01-2012, 16:46
Messaggio: #25
Rainbow RE: Modulistica ASI
(12-01-2012 13:08)rudibubu Ha scritto:  io mi ricordo che era il 1976, anche se questo non cambia il discorso; era solo per fare il puntiglioso...

Icon_arrow Volevamo vedere chi era attento. Bravo Rudibubu.

Infatti le cose stanno in questo modo:
Il Dipartimento dei Trasporti Terrestri ribadisce con la circolare del 22.6.2000 l'obbligatorietà dei dispositivi di ritenuta dei veicoli della categoria M1.

In essa si conferma che l'obbligo dell'installazione delle cinture di sicurezza ricorre per i posti anteriori come per quelli posteriori; per tutti i veicoli della categoria M1 che, immatricolati a far data dal 15.6.1976, siano predisposti sin dall'origine con specifici punti di attacco, aventi le caratteristiche indicate o nella Direttiva relativa agli ancoraggi (dalla 76/115/CEE alla 96/38/CEE), ed ai dispositivi di ritenuta (dalla 77/541/CEE alla 96/36/CEE); o nel Regolamento ECE/ONU n° 14 "Prescrizioni uniformi relative alla omologazione dei veicoli per quanto riguarda gli ancoraggi delle cinture di sicurezza delle autovetture", entrato in vigore in Italia il 15.6.1976 (circolare D.G. n° 76/77 del 9.12.1977. Icon_biggrin
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
18-01-2012, 15:20
Messaggio: #26
Rainbow RE: Modulistica ASI
Icon_arrow Pensando di far cosa gradita a chi è interessato a questi argomenti allego la lettera dell'ASI con la quale viene data notiza della prossima riunione plenaria estesa a tutti i tecnici ASI d'Italia.
Anche noi saremo presenti. Icon_wink

   
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
26-01-2012, 10:07
Messaggio: #27
RE: Modulistica ASI
scusate il mio dilemma è che da quando faccio parte del club non riesco a capire se devo rinnovare la quota asi annualmente ogni anno, insieme a quella del registro, naturalmente se si paga una sola volta che senso ha pagarla ogni anno?si può optare solo al rinnovo del registro? per quanto riguarda il CRS le mie auto già iscritte devo anche richiederlo?
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
26-01-2012, 13:18
Messaggio: #28
RE: Modulistica ASI
(26-01-2012 10:07)Pepyto89 Ha scritto:  scusate il mio dilemma è che da quando faccio parte del club non riesco a capire se devo rinnovare la quota asi annualmente ogni anno, insieme a quella del registro, naturalmente se si paga una sola volta che senso ha pagarla ogni anno?si può optare solo al rinnovo del registro? per quanto riguarda il CRS le mie auto già iscritte devo anche richiederlo?

ti dissi che devi rinnovare il Registro Autobianchi + Asi, anche perchè fra qualche tempo devi fare le pratiche asi anche per la giulietta, perciò.....
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
29-01-2012, 23:41
Messaggio: #29
RE: Modulistica ASI
dovevamo incontrare i Funzionari della Motorizzazione e Minro Trasporti a Bologna per far nevicare Icon_eek e che rientro scivoloso sull'autostrada!

2 giorni sempre seduti eravamo in 700, a parlare e parlare di norme sulle storiche, tant'è che mi gira la testa Icon_rotfl e però ci sono buone nuove Icon_biggrin

con calma vi farò vedere e ve le enuncerò! ora ho son...Icon_sleepy
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
31-01-2012, 01:06
Messaggio: #30
RE: Modulistica ASI
(29-01-2012 23:41)Laura Ha scritto:  dovevamo incontrare i Funzionari della Motorizzazione e Minro Trasporti a Bologna per far nevicare Icon_eek e che rientro scivoloso sull'autostrada!

2 giorni sempre seduti eravamo in 700, a parlare e parlare di norme sulle storiche, tant'è che mi gira la testa Icon_rotfl e però ci sono buone nuove Icon_biggrin

con calma vi farò vedere e ve le enuncerò! ora ho son...Icon_sleepy

se sono belle allora NUN VEDIAMO L'ORAIcon_sbav

ELEGANT, perchè A112 non è solo ABARTH
MISSONI, perchè Y10 fà moda...
LX la sigla che contraddistingue le grandi Lancia
VILLE, per chi non vuole cambiare MAIIIIII
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Discussioni correlate...
Discussione: Autore Risposte: Letto: Ultimo messaggio
Rainbow COME ACCEDERE ALLA MODULISTICA ASI Lupacchietto 0 507 15-11-2011 15:18
Ultimo messaggio: Lupacchietto

Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)